Category: Corporate

Caseificio Val D’Aveto a Tuttofood con tre prodotti unici sul mercato caseario

Dall’unione tra Caseificio Val D’Aveto e Sabelli nascono tre nuove paste filate, firmate Caseificio Val D’Aveto, uniche e mai prodotte prima, che verranno presentate a Tuttofood, la Fiera internazionale dedicata al food and beverage a Milano dal 6 al 9 maggio.

«Dal nostro matrimonio sono nati tre nuovi prodotti – racconta Simone Mariani, amministratore delegato Sabelli Spa – la Burratina con lo yogurt colato, la Stracciatella con lo yogurt colato e le Treccine di mozzarella intrecciate a mano. Sono la rappresentazione della nostra unione: un formaggio che racchiude un cuore morbido di yogurt colato. La sintonia fra le nostre realtà ha creato delle eccellenze nel mercato uniche ed esclusive».

L’idea è stata quella di reinterpretare lo yogurt colato Caseificio Val D’Aveto,facendolo uscire dal suo normale contesto di riferimento e proponendolo come ingrediente chiave per le paste filate. «Abbiamo studiato tre nuove specialità che completano la nostra gamma – dice Graziella Pastorini, amministratore e responsabile qualità Caseificio Val D’Aveto Srl – la Burratina, la Stracciatella e la Treccina, ricette della tradizione da noi reinterpretate per dare vita a nuovi piaceri che si nutrono esclusivamente di latte italiano. Siamo molto orgogliosi di poter presentare queste novità esclusive che arricchiscono l’eccellenza casearia italiana, creando un intreccio di saperi e di sapori».

Read More
Sabelli: «Conquistiamo l’estero»

L’ad Mariani: «I nostri formaggi attenti al benessere e alla qualità»

BIG DEL SETTORE Il gruppo può contare su quattro siti produttivi e 8 piattaforme distributive

Davide Eusebi ASCOLI PICENO Simone Mariani, ad di Sabelli Group, quali sono i

Paesi in cui esportate e i prodotti più richiesti?

«L’export è una componente fondamentale della nostra strategia, in forte crescita per tutte le nostre categorie di prodotto. Abbiamo potenziato l’ufficio estero e attualmente esportiamo in Francia, Olanda, Gran Bretagna, Austria, Irlanda, Germania, Spagna, Croazia, Slovenia, Repubblica Ceca, Bulgaria, Romania, Grecia, Corea e altri Paesi.

Stiamo lavorando per incrementare la quota di export nei principali Paesi europei ed extra-Ue, non soltanto con la presenza nel canale horeca, ma proponendoci come partner per la produzione di mozzarelle a marchio per le principali insegne Gdo internazionali».

Che aspettative avete da Tuttofood Milano, al via domani?

«Presenteremo tre nuovi prodotti nati dal matrimonio tra Sabelli e Caseificio Val D’Aveto: Burratina, Stracciatella e Treccina. Questi prodotti, dalla ricetta innovativa, sono la rappresentazione della nostra unione.

A Milano saremo quindi presenti solo con Caseificio Val D’Aveto (Padiglione 10 – Stand E36-E38), il miglior biglietto da visita del gruppo in una rassegna come TuttoFood».

Quali prodotti trainano di più il mercato interno?

«I consumatori sono alla ricerca di prodotti tradizionali con elevati livelli di qualità e freschezza e con materie prime di origine interamente italiana. Inoltre, il consumatore moderno vuole sempre più prodotti legati al wellness con formati adatti agli odierni stili di vita. Per tale ragione continueremo a puntare sul senza lattosio. Abbiamo in portfolio le mozzarelline Sabelli in confezione da 125 grammi, che si sono aggiunte alla mozzarella da 200 grammi e alla burratina da 125 grammi, presentate nel 2017».

Il mercato della pizza è in continua espansione, che posto occupa in questo senso la vostra mozzarella fiordilatte?

«La nostra offerta si è evoluta, abbiamo affiancato alla gamma standard una linea Premium dedicata ai professionisti della pizza che vogliono ottenere un prodotto perfetto per gusto e consistenza del formaggio. La gamma dedicata all’horeca è caratterizzata dalla mozzarella di qualità superiore».

Le novità dell’anno?

«Oltre ai tre nuovi prodotti a marchio Val D’Aveto che presenteremo a TuttoFood, nel 2019 abbiamo implementato una nuova struttura organizzativa per Sabelli Group, che supera la suddivisione per stabilimenti attuata finora per raggruppare le attività in base alle aree di competenza: questo ci consentirà di fornire i clienti in maniera ancora più efficiente e specializzata».

Avete acquisito altre aziende? «Per il momento non abbiamo altre acquisizioni in atto. In Val D’Aveto abbiamo visto una continuità con i valori di Sabelli: il legame con il territorio, la scelta di materie prime di qualità, la sostenibilità nelle produzioni, l’attenzione estrema alla qualità del prodotto e al miglioramento dello stesso e la tradizione di azienda familiare. Eventuali future acquisizioni avranno l’obiettivo di presidiare nicchie di eccellenza del made in Italy che condividono questi valori».

SImone-Mariani-amministratore-delegato-Sabelli-Group-780x486.jpg

 

 

Read More
La case history ‘Sabelli Group’ all’Università Politecnica delle Marche

Gli studenti del corso di Business Marketing realizzeranno quattro progetti sull’esposizione dei prodotti a marchio Sabelli nei punti vendita della grande distribuzione.

 

Ascoli – Il marchio Sabelli torna a essere oggetto di studio alla Facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche. Quattro gruppi di studenti del corso di Business Marketing, guidato dal pro-rettore dell’ateneo, il professore Gian Luca Gregori, hanno scelto l’azienda marchigiana per un project work sul tema “Evoluzione della relazione Industria-Distribuzione”.

Il progetto ha preso il via il 5 marzo, con una lezione tenuta da Angelo Galeati, ad di Sabelli Group, nell’ambito delle collaborazioni tra l’università e le imprese del territorio. “Ringraziamo il prof. Gregori per aver reso possibile anche quest’anno la collaborazione del nostro gruppo con il corso di Business Marketing – ha dichiarato Galeati – per noi è importantissimo partecipare a questi progetti, per dialogare con il nostro territorio e supportare la crescita professionale dei giovani che studiano qui”.

Gli studenti esamineranno le strategie di Sabelli nei confronti della Grande Distribuzione Organizzata, analizzando in particolare l’esposizione dei prodotti sul punto vendita e le strategie di promozione. Il progetto durerà alcune settimane, al termine delle quali i gruppi di lavoro presenteranno le proprie relazioni all’azienda.

 

http://www.picusonline.it

1553278247158706

Read More
Sabelli, dopo l’accordo con i sindacati parla Simone Mariani: «Azienda in forte crescita»

ASCOLI – «Per noi i risultati economici aziendali devono tradursi sempre anche in ricchezza per il territorio in cui operiamo, e verso cui siamo debitori: per questo abbiamo condiviso pienamente le esigenze di stabilizzazione del personale e degli orari di lavoro»

Dopo l’accordo siglato con i sindacati che prevede misure per la maggiore stabilità e organizzazione del lavoro insieme all’assunzione a tempo indeterminato di 42 lavoratori nel triennio, arriva il commento dell’amministratore delegato di Sabelli spa, Simone Mariani.

«Ringraziamo le rappresentanze sindacali per il proficuo clima di discussione che ha portato a questo rinnovo e siamo contenti dell’esito delle trattative – ha dichiarato Mariani –. Il nostro gruppo ha visto una forte crescita negli ultimi anni, e questo ci consente di aprire a nuove assunzioni e migliorare le condizioni di lavoro all’interno dell’azienda. Per noi i risultati economici aziendali devono tradursi sempre anche in ricchezza per il territorio in cui operiamo, e verso cui siamo debitori: per questo abbiamo condiviso pienamente le esigenze di stabilizzazione del personale e degli orari di lavoro». Il contratto prevede l’ottimizzazione dell’organizzazione del lavoro in modo da ridurre il ricorso al lavoro straordinario, la conferma del bonus di 300 euro per nascita e matrimonio, la modulazione di orari particolari per le madri lavoratrici, un trattamento economico e normativo migliore ai somministrati, ai quali sarà esteso il buono mensa e l’elemento di garanzia retributivo.

Il calcolo del premio di produzione è stato semplificato e l’importo lordo erogabile nel triennio 2019-2021 raggiungerà i 1000 euro. Inoltre, Sabelli Spa ha garantito nell’arco del triennio 2019-2021 42 assunzioni a tempo indeterminato, 20 delle quali saranno formalizzate entro marzo 2019.

Da Sabelli 42 nuove assunzioni  e più benefit per tutti i dipendenti.

venerdì 22 Febbraio 2019

DSC_1927

Read More
Manovre di disostruzione. Da Sabelli group la lezione della croce rossa

ASCOLI – L’azienda ha donato un manichino di ultima generazione al comitato locale. Verrà utilizzato anche per la formazione dei cittadini al massaggio cardiaco con l’ausilio del defibrillatore

La Croce Rossa di Ascoli continua le sue lezioni sulle manovre di disostruzione, e stavolta l’ha tenuta nella sede di “Sabelli Group” istruendo i dipendenti sulle corrette manovre per disostruire un bambino in caso di bisogno. “Sabelli Group” ha apprezzato l’intervento degli istruttori volontari donando al comitato ascolano della Croce Rossa il manichino che è stato utilizzato per l’occasione e che in futuro servirà per la formazione dei cittadini al massaggio cardiaco con l’ausilio del defibrillatore.
«E’ un gesto di grande solidarietà – dice la presidente della Cri di Ascoli, Cristiana Biancucci – che dimostra attaccamento al territorio e ai cittadini. Si tratta di un manichino di ultima generazione per la simulazione di rianimazione e disostruzione delle vie aeree pediatriche». «Siamo noi che ringraziamo la Croce Rossa per il suo impegno quotidiano nel soccorso e l’importante attività di formazione che svolge – dichiara Marcello Mariani di Sabelli Group – la nostra azienda ha una responsabilità nei confronti del territorio, che onoriamo tutti i giorni con il nostro lavoro e con il sostegno alle realtà locali».

Schermata 2019-02-13 alle 09.00.11

Read More
Sabelli Group si presenta a Marca 2019 con un nuovo assetto organizzativo

Una nuova architettura aziendale per rispondere meglio alle necessità dei clienti: è con questa novità che Sabelli Group si presenta a Marca 2019, la fiera internazionale dedicata alle private label in programma il 16 e 17 gennaio a Bologna. Lo stand Sabelli (Pad. 29 Stand C/56 – D/55) quest’anno è dedicato alla divisione Sabelli Industrial, che ha come area di attività la produzione per la Marca del Distributore, compreso lo sviluppo di linee a marchio di fantasia. Sabelli Industrial nasce come parte di una riorganizzazione di Sabelli Group, attiva dal 2019, che supera la suddivisione per stabilimenti attuata finora per raggruppare le attività in base alle aree di competenza. Accanto alla divisione Industrial, nasce quindi Sabelli Brands, per la gestione dei prodotti a marchio Sabelli e Val d’Aveto, a cui si affianca la Sabelli Retail, per la gestione dei punti vendita aziendali sul territorio locale, e la già esistente Sabelli Distribuzione, la piattaforma logistica dell’azienda per il Centro Italia.

“La nuova organizzazione rappresenta una svolta importante che renderà ancora più puntuale ed efficiente il nostro servizio ai clienti – commenta Simone Mariani, ad di Sabelli Group –. Per questo è importante per noi essere a Marca con Sabelli Industrial, una struttura fortemente specializzata che unisce l’esperienza di Sabelli alla competenze specifica maturata da Trevisanalat ed Ekolat, gli stabilimenti che abbiamo acquisito nel 2016”. Il nuovo assetto arriva al termine di un 2018 molto positivo per Sabelli Group, che ha confermato il trend di crescita degli ultimi anni, con un fatturato di 150 milioni di euro (+7% rispetto al 2017). “I risultati premiano le nostre scelte di sviluppo industriale, che passano per importanti investimenti in ricerca e produzione e acquisizioni societarie di alto profilo – ha dichiarato Angelo Galeati, ad di Sabelli Group – La nostra direzione è chiara: offrire la qualità e la freschezza che ci contraddistingue fin dalle origini, insieme alla migliore efficienza, i controlli, e le garanzie di processi produttivi all’avanguardia”.

Una nuova architettura aziendale per rispondere meglio alle necessità dei clienti: è con questa novità che Sabelli Group si presenta a Marca 2019, la fiera internazionale dedicata alle private label in programma il 16 e 17 gennaio a Bologna. Lo stand Sabelli (Pad. 29 Stand C/56 – D/55) quest’anno è dedicato alla divisione Sabelli Industrial, che ha come area di attività la produzione per la Marca del Distributore, compreso lo sviluppo di linee a marchio di fantasia.

Sabelli Industrial nasce come parte di una riorganizzazione di Sabelli Group, attiva dal 2019, che supera la suddivisione per stabilimenti attuata finora per raggruppare le attività in base alle aree di competenza. Accanto alla divisione Industrial, nasce quindi Sabelli Brands, per la gestione dei prodotti a marchio Sabelli e Val d’Aveto, a cui si affianca la Sabelli Retail, per la gestione dei punti vendita aziendali sul territorio locale, e la già esistente Sabelli Distribuzione, la piattaforma logistica dell’azienda per il Centro Italia.

“La nuova organizzazione rappresenta una svolta importante che renderà ancora più puntuale ed efficiente il nostro servizio ai clienti – commenta Simone Mariani, ad di Sabelli Group –. Per questo è importante per noi essere a Marca con Sabelli Industrial, una struttura fortemente specializzata che unisce l’esperienza di Sabelli alla competenze specifica maturata da Trevisanalat ed Ekolat, gli stabilimenti che abbiamo acquisito nel 2016”.

Il nuovo assetto arriva al termine di un 2018 molto positivo per Sabelli Group, che ha confermato il trend di crescita degli ultimi anni, con un fatturato di 150 milioni di euro (+7% rispetto al 2017). “I risultati premiano le nostre scelte di sviluppo industriale, che passano per importanti investimenti in ricerca e produzione e acquisizioni societarie di alto profilo – ha dichiarato Angelo Galeati, ad di Sabelli Group – La nostra direzione è chiara: offrire la qualità e la freschezza che ci contraddistingue fin dalle origini, insieme alla migliore efficienza, i controlli, e le garanzie di processi produttivi all’avanguardia”.

111

Read More
La famiglia Sabelli cresce ancora: Val D’Aveto inaugura la ”Casa dello Yogurt”

Continuano a crescere le aziende del Gruppo Sabelli: Caseificio Val D’Aveto, acquisito in aprile dal gruppo di Ascoli Piceno, inaugurerà sabato 8 settembre la “Casa dello Yogurt”. Si tratta di un nuovo stabilimento che raddoppierà la produzione di yogurt colato di alta qualità, specialità dell’azienda di Rezzoaglio (GE).

Il pomeriggio di inaugurazione inizierà alle 16 e prevede la presentazione del nuovo stabilimento a cura dei protagonisti, moderati da Marisa Spina di Entella TV e Piazza Levante. Seguirà la visita allo stabilimento che terminerà con la degustazione dei prodotti dei Caseifici Val d’Aveto e Sabelli, curato dallo Chef David Macchioni.

“La Casa dello Yogurt per noi significa poter aumentare la produttività mantenendo inalterata la qualità. La famiglia Sabelli e il team del Caseificio Val d’Aveto condividono passione per il lavoro, per la terra, per una scelta etica di lavoro e di rispetto per la materia prima, i prodotti, i clienti, i dipendenti, i fornitori”, spiega Simone Mariani, amministratore delegato del gruppo Sabelli e del Caseificio Val d’Aveto.

Angelo Galeati, Ad di Sabelli, aggiunge: “Siamo orgogliosi che la crescita del nostro gruppo passi anche attraverso realtà che esprimono legame con il territorio e rispetto della tradizione artigiana. La nostra strategia prevede, accanto all’ampliamento della sede di Ascoli Piceno, l’acquisizione di realtà che uniscono spirito imprenditoriale al rispetto della nostra filosofia aziendale”.

“Questa inaugurazione ci riempie di gioia perché non era scontato, con l’inverno difficile che abbiamo vissuto in Val D’Aveto, riuscire a terminare i lavori entro la fine di agosto, come da piano. Siamo orgogliosi di poter portare i nostri prodotti fuori dai nostri confini e di continuare ad utilizzare solo materia prima locale”, conclude Graziella Pastorini, Amministratore e Responsabile del Controllo Qualità di Caseificio Val d’Aveto.

Dal punto di vista architettonico e della sostenibilità ambientale, l’incremento volumetrico e di superficie della nuova Casa dello Yogurt è stato pensato e proposto in allineamento con la struttura esistente, realizzata negli Anni ‘60 del secolo scorso. Le superfici esterne sono state trattate con elementi in legno, posti in verticale, lasciando il basamento in intonaco e riprendendo il linguaggio non residenziale del luogo.

La nuova costruzione è separata dalla preesistente tramite un corpo di collegamento semitrasparente. Sono stati utilizzati esclusivamente materiali naturali: legno non trattato per pareti ad alto isolamento termico, cemento armato rifasciato con pannelli isolanti, serramenti ad alto isolamento termico ed acustico. L’illuminazione dell’intero complesso produttivo è a led, per impattare il meno possibile sull’ambiente.

wwww

Read More
Dal Caseificio ligure Val d’Aveto lo Yogurt colato, quello denso e salutare

Un caseificio che esiste ormai da molti anni, quello della Val d’Aveto in Liguria, e che da sempre porta avanti le tradizioni della sua terra utilizzando solo latte della propria valle.

«Un’azienda artigianale in una località meravigliosa», così Simone Mariani, amministratore delegato di Caseificio Val d’Aveto e di Sabelli, parlando di una realtà che continua tutt’oggi a lavorare in maniera assolutamente artigianale il latte della zona, dal quale derivano formaggi della tradizione, gustosi e facilmente distinguibili.

Caseificio Val d’Aveto «è la testimonianza di come in Italia si possa ancora fare una produzione di nicchia nel pieno rispetto delle tradizioni e delle materie prime».

Indubbiamente il caseificio è noto da diverso tempo per la produzione di formaggi, ma da alcuni anni ha voluto investire in un nuovo prodotto, tanto innovativo quanto in grado di conquistare tanti operatori del settore, e consumatori, ovviamente: si tratta dello Yogurt colato, realizzato grazie ad una «tecnologia antica quale è la colatura, che permette allo yogurt di essere più denso, più cremoso e con un gusto particolarmente ricco al palato». Il prodotto si presenta ricco di proteine e al tempo stesso ideale per chi è alla ricerca del proprio benessere fisico.

Che questo prodotto sia molto apprezzato lo testimonia anche il recente riconoscimento che questo yogurt, al gusto pistacchio, ha ottenuto all’International taste and quality institute, l’istituto di eccellenza che ha come scopo quello di garantire l’assoluta qualità dei prodotti premiati a consumatori e buyer. «Abbiamo sempre voluto fare un prodotto sano e genuino – ha spiegato Graziella Pastorini, direttrice della produzione – curato artigianalmente e in linea con i valori del nostro territorio».

Per informazioni: www.caseificiovaldaveto.com 

Tratto da Italiaatavola.net

Caseificio-ligure-Val-dAveto-Yogurt-colato-1

Read More
Sabelli riceve da Deloitte prestigioso premio ”Best managed companies”

Capacità organizzativa, strategia e misurazione delle performance: è grazie al raggiungimento dell’eccellenza su questi indicatori che Sabelli, storico caseificio di Ascoli Piceno, è risultata tra le “Best managed companies”, proclamate da Deloitte, una tra le più grandi realtà operanti nel settore dei servizi professionali alle imprese.

La premiazione della prima edizione italiana del concorso “Best Managed Companies” si è svolta a Milano, nella cornice di palazzo Mezzanotte, dopo una lunga selezione iniziata a novembre. Una giuria indipendente, formata da autorevoli esponenti del panorama imprenditoriale, accademico e istituzionale italiano, ha valutato le aziende sulla base di un assessment sui fattori critici di successo identificati da Deloitte, come la strategia aziendale, le competenze distintive, l’impegno verso le persone, il controllo direzionale e la misurazione delle performance.

Dall’analisi di questi fattori, parametrati per dimensione, struttura proprietaria e settore di appartenenza, Sabelli è risultata tra le 52 finaliste, e successivamente tra le 31 vincitrici del riconoscimento “Best managed companies”. Sabelli si è contraddistinta soprattutto per la capacità di strutturare strategie di lungo periodo e per capacità di innovazione ed internazionalizzazione.

A ritirare il premio è stato Simone Mariani, Ad del Gruppo Sabelli: “Siamo molto soddisfatti di questo premio – ha commentato Mariani – perché certifica che la nostra azienda opera ai massimi livelli nazionali e internazionali. È un risultato ancora più importante perché come azienda familiare e legata al territorio, portiamo avanti la visione imprenditoriale di nostro nonno, Archimede Sabelli, mantenendo come obiettivo e come fattore distintivo sul mercato la qualità e la freschezza dei nostri formaggi”.

Il programma Best Managed Companies è sostenuto anche da ALTIS Università Cattolica, da ELITE, l’iniziativa del London Stock Exchange Group che supporta lo sviluppo e la crescita delle imprese ad alto potenziale, e da Confindustria. Non un semplice premio, ma un’occasione per un’azienda come Sabelli, tra le principali del settore lattiero-caseario italiano, di confrontarsi con professionisti ed esperti e accedere a sessioni di coaching dedicate per migliorare la propria competitività a livello internazionale.

 

Tratto da picenotime

2222

Read More
CONTRATTO DI SVILUPPO, LA REGIONE IN VISITA A SABELLI SPA

Ceriscioli: “Un accordo importante con una impresa del territorio che è in grado di cerare nuova occupazione e sviluppo”.

Ascoli Piceno, 30 aprile 2018 – Questa mattina il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli accompagnato dalla vice presidente, Anna Casini ha fatto visita allo stabilimento ascolano della Sabelli spa e a margine, insieme agli amministratori delegati Sabelli, Simone Mariani e Angelo Davide Galeati, ha tenuto una conferenza stampa per illustrare il contratto di sviluppo “LaTraZione 2020”.

“Restare sul territorio non è solo un attaccamento emozionale ha sottolineato Ceriscioli – ma significa fare per tempo delle scelte che ci permettono di sviluppare economia vera. È stato un grande risultato approvare gli strumenti di finanziamento per l’ Area di crisi complessa sui quali tutta l’amministrazione regionale è impegnata dal 2015. Il progetto della Sabelli è la testimonianza di come i contratti di sviluppo abbiano una ricaduta reale in termini occupazione, sicurezza nei luoghi di lavoro, innovazione e ricerca e qualità del prodotto. Ci sono ancora tanti progetti presentati a valere sulle risorse nazionali e regionali, molti dei quali già approvati Io sono già in corso di realizzazione. Un rapporto pubblico privato trasparente nel quale si presentano progetti e sui quali si canalizzano risorse pubbliche che attivano investimenti privati. Fino a qualche anno fa la politica non si occupava delle politiche industriali, dopo la recessione si è capito che invece serve una strategia di policy a favore del sistema produttivo e tutti gli Stati più importanti la fanno. Questo significa programmare gli strumenti e metterli a disposizione delle imprese che hanno capacità progettuale e d’innovazione”.

“Abbiamo negoziato il primo contratto di sviluppo delle Marche – ha rimarcato Casini – perché l’azienda ha sviluppato un progetto esaminato e approvato dal Ministero dello sviluppo economico che ha riscosso molto successo, perché è basato sulla qualità, innovazione e nuova occupazione”.

“Un investimento estremamente importante per la nostra azienda casearia – ha detto Mariani – che realizzerà ad Ascoli Piceno, nei prossimi tre anni, ampliamenti e innovazioni tecnologiche nell’ottica di industria 4.0 con digitalizzazione e automazione dei processi, garantendo sviluppo e occupazione in questo territorio. E’ un segnale di grande fiducia e di speranza che vogliamo dare a questa provincia continuando come famiglia Sabelli a credere nell’importanza del territorio dove manterremo le produzioni di maggior valore aggiunto, investendo 9 milioni di euro in attrezzature e impianti e con oltre 3 milioni di euro nell’area ricerca e sviluppo anche in collaborazione con Università e Centri di ricerca”.

“Il progetto al di là della sua bontà dell’azione – ha sottolineato Galeati – ribadisce e rafforza la volontà della nostra famiglia di continuare ad investire in questa provincia, nonostante il sisma, la crisi economica complessiva del Paese e nonostante la competizione in questo settore. Noi spingiamo molto sull’automazione laddove pensiamo di poter migliorare la qualità di lavoro dei nostri collaboratori, investendo su produzioni artigianali dove c’è una manualità e l’impegno delle persone”.

La Regione Marche cofinanzia il contratto di sviluppo della Sabelli spa per l’ampliamento del sito produttivo di Ascoli Piceno e l’incremento di 40 unità lavorative. La Giunta regionale ha approvato lo schema di Accordo di programma e sottoscritto tra Regione, Ministero dello sviluppo economico (Mise) e Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti). A fronte di un investimento aziendale superiore ai 12,7 milioni di euro, la parte pubblica garantirà agevolazioni per 5,2 milioni di euro (200 mila euro a carico della Regione). Si tratta di ulteriori 5 milioni che vanno ad accrescere le risorse pubbliche disponibili per il rilancio del Piceno e che si aggiungono ai 37 già assegnati dal Mise all’area di crisi.

SABELLI (www.sabelli.it)

Con 123.000 tonnellate di latte fresco lavorato all’anno, 3 siti produttivi e 451 dipendenti e collaboratori, il gruppo Sabelli è una realtà consolidata nel mercato dei formaggi freschi di qualità e leader di mercato nei segmenti burrata e stracciatella. Fondata nel 1921 e trasferita ad Ascoli Piceno nel 1978, Sabelli Spa ha acquisito nel 2016 la Trevisanalat di Castelfranco Veneto e la Ekolat in Slovenia, dando vita a uno dei più importanti poli italiani per la produzione di mozzarella. Nel 2018, il gruppo acquisisce il Caseificio Val d’Aveto, produttore di nicchia di yogurt colato e formaggi tradizionali nel segmento premium.

fonte: http://www.fotospot.it/contratto-di-sviluppo-la-regione-in-visita-a-sabelli-spa/

Schermata 2018-05-02 alle 10.29.25

Read More